Habemus Papam

Habemus Papam

Titolo originale:  Habemus Papam

Regia:  Nanni Moretti

Attori: Michel Piccoli, Nanni Moretti, Jerzy Stuhr, Renato Scarpa, Franco Graziosi

Durata: 102

Genere:  Commedia, Drammatico

Uscita: 15-04-2011

Paese: Italia, Francia

Distribuzione: 01 Distribution

67

Dopo la morte del Papa si riunisce a Roma il conclave per eleggere il suo successore. Dopo alcune votazioni, viene eletto a sorpresa il cardinale Melville. Al momento della pubblica proclamazione, mentre il cardinale protodiacono sta per annunciare il nome del nuovo Papa alla folla dei fedeli, il neoeletto ha un violento attacco di panico e fugge, interrompendo la cerimonia prima che sia pubblicamente annunciata la sua elezione. Il collegio cardinalizio, fortemente preoccupato dalla crisi depressiva in cui sembra essere caduto il nuovo pontefice, fa convocare presso la Santa sede lo psicoanalista professor Brezzi.

Brezzi, alla presenza dei cardinali, effettua una seduta analitica sul pontefice, dalla quale però non emerge nulla di particolare, se non la depressione e il senso di impotenza che affliggono il Papa. Il neo eletto Papa viene condotto in incognito presso la ex moglie di Brezzi, anch’essa psicoanalista, alla quale spacciandosi per attore, confessa di avere dubbi sulle proprie capacità e di non avere la forza necessaria a svolgere i nuovi obblighi.

Terminata la seduta il Papa riesce a dileguarsi durante una passeggiata, sfuggendo alla sorveglianza del portavoce Marcin Raijski e della scorta.
L’intero collegio e il dottor Brezzi vengono confinati in una clausura forzata in attesa della guarigione del Papa, durante la quale per ammazzare il tempo i cardinali si dedicano alle più svariate attività.

In un albergo, il Papa ha modo di incontrare una compagnia teatrale messa in crisi dalle stravaganze di uno dei suoi membri, che deve essere temporaneamente ricoverato in ospedale in un accesso di follia proprio pochi giorni prima di una rappresentazione. Il Papa si offre di sostituire l’attore ma non viene neppure preso in considerazione. La successione degli eventi lascia aperta la possibilità che il Papa soffrisse di un deficit di accudimento relativo alla sua frustrata carriera di attore.

Nel frattempo il Papa prende di nuovo contatto con la psicologa, rivelandole che in realtà non è un attore: in gioventù avrebbe voluto intraprendere la carriera teatrale ma non si è dimostrato all’altezza, messo in ombra dalla sorella, affermata attrice. Confessa anche di avere picchiato la sorella quando erano piccoli.

In un incontro segreto con Marcin Raijski il Papa rivelerà il suo desiderio di scomparire senza che il mondo sia informato della sua identità e lasciare che un nuovo papa sia eletto al suo posto. Il portavoce, allarmato, torna in Vaticano e convoca i cardinali.

In Vaticano il Papa si presenta finalmente al mondo, nel tripudio della folla e dei cardinali. Nel discorso ai fedeli, il pontefice ammette di non avere la forza e di non essere in grado di guidare la Chiesa in un momento di scelte tanto difficili per gli uomini. Al termine del discorso il Papa abbandona il leggio e scompare nel palazzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: